CITAZIONI

 

 

 

“Non é mai facile spiegare le complessitá che danno luogo all’ improvvisa comparsa di un movimento artistico che rompe bruscamente con gli schemi restrittivi del passato . Non c’é dubbio che Oscar Cahén ebbe un impatto impressionante nello sviluppo dei giovani artisti che avrebbero formato il gruppo  dei Painters Eleven. D’ altronde Cahén era un uomo di mondo la cui abilitá tecnica come artista andava a pari passo con la sua vivacitá d’ animo come compagno. Per un giovane canadese in conflitto con la rottura dalle tradizioni figurative del passato, l’ agilitá di Cahén nel muoversi tra l’ illustrazione letteraria e la pittura astratta ed audace sicuramente furono una consolazione ed un esempio.

 

Chi puó dubitare il vigore delle sue composizioni astratte in cui forma e spazio erano trattati in termini di colore del tutto nuovi, con una stravaganza che sembra a volte un gioioso scandalo. Questo nuovo canadese apportó un gran contributo alla sua nuova patria.

 

… nessuno puó negare il fatto storico che, a parte l’importanza della sua influenza artistica, Oscar Cahén fú essenzialmente un personaggio splendido e fantasioso”.

Dr. Evan H. Turner, Direttore

Museo d’ Arte di Filadelfia, 1968

 

 

“ Si puó fare un parallelo tra la maniera in cui le carriere di Cahén e Tom Thomson sono state interpretate.

 

… Thomson muore nel 1917, a meno di un mese dal compiere quarant’anni; Cahén, nato nel 1916, muore a quarant’anni. Entrambi morirono in modo tragico e violento. Le loro carriere come pittori maturi si limitarono a un periodo di circa otto anni ed entrambi si affermarono come artisti pubblicitari prima di svilupparsi  come pittori. Come Thomson, Cahén entró a far parte di un piccolo gruppo di artisti la cui energia e spirito di iniziativa - per non parlare della loro opposizione allo status quo - avrebbero avuto un profondo efetto sulla forma ed il carattere dell’ arte in Canada nei decenni successivi. La reputazione di Cahén e Thomson si fonda sulla qualitá intrinseca della loro opera ed é accresciuta dal ruolo che entrambi artisti giocarono, all’inizio delle loro carriere, nelle attivitá rivoluzionarie nell’ambito dei loro rispettivi circoli artistici …

 

… volendo spingere oltre il paragone con Thomson, il contesto dell’ opera di Thomson fú di piú lunga durata di quello di Cahén. Gli artisti del Group of Seven ed i loro successori nel Canadian Group of Painters radicarono profondamente il loro approccio verso la pittura, affermando l’importanza del contributo di Thomson e facendo sí che la sua opera apparisse attuale anche molti anni dopo la sua morte. Cahén d’altra parte svolse la sua attivitá artistica all’ inizio di un periodo di radicale sviluppo e di grandi cambiamenti nel paesaggio artistico canadese, un periodo marcato da un continuo cambiamento nell’impostazione concettuale e stilistica dell’ arte. Egli apparteneva a un movimento interessato al continuo movimento del cambiamento”. 

Dr. David Burnett

Oscar Cahén: Toronto: Galleria d’ Arte di Ontario, 1983

 

 

“Il brillante successo di Cahén come grafico nel Montreal Star ed in seguito nella rivista Maclean’s inizia una significativa rivoluzione nel campo dell’ illustrazione pubblicitaria in Canada.

 

Come catalizzatore, Cahén giocó il ruolo piú importante della sua carriera. La sua freschezza, libertá e raffinatezza, il suo senso di vita e di cambiamento, il suo successo economico e, soprattutto, la sua integritá professionale crearono una forte impressione sui giovani artisti della grigia Toronto del dopoguerra. Il vigore della sua personalitá si riflette direttamente nel dinamismo e vitalitá che sono la caratteristica di tanta pittura di Toronto. É ovvio quindi che l’Accademia faccia onore a Cahén conferendogli la medaglia RCA 1975”.

Ann H.J. Nelles, Direttrice Esecutiva

Royal Canadian Academy of Arts, 1975

 

“L’ opera grafica di Cahén, talmente individuale e stranamente affascinante era in tal richiesta che ad un certo punto egli avrebbe dovuto disegnare 48 ore al giorno per stare al passo con tutte le commissioni incaricate da riviste come Standard, Maclean’s Magazine, Canadian Home Journal, National Home Monthly, New Liberty ed altre.

 

… in un’ inaudita inversione della prassi redazionale, i disegni di Cahén venivano mandati direttamente agli scrittori per inspirarli a scriverne racconti”.

McKenzie Porter

“Volcano with a Paint Brush”

The Standard, 1951

 

 

“ Fin dalla sua morte prematura nel 1956, Oscar Cahén é stato acclamato in Canada come la figura che fece piú di chiunque per ravvivare l’arte contemporanea in Ontario durante gli anni cinquanta.

 

Le sue illustrazioni, straordinariamente competenti e talmente originali, gli conferirono riconoscimento immediato.

 

Esistono similitudini tra Oscar Cahén e l’americano David Smith, tanto nell’ approccio appassionato verso l’arte e la vita come nella morte violenta in un incidente automobilistico.

 

La vita e l’arte di entrambi uomini presentano un fenomeno simile in cuanto all’energia esplosiva, la forza e l’ impazienza … l’ arte di Cahén come quella di David Smith, non é mai debole o incerta …

 

Tali uomini rappresentano la loro epoca, affrettandosi continuamente a grande velocitá nella vita, con talento geniale, verso una morte prematura e violenta. Qualsiasi mostra dell’opera di Cahén e di Smith ci dá un senso non solo di sucesso immenso e duraturo, ma anche di una promessa tragicamente incompiuta.

 

Il Canada non ebbe alcuna impotanza artistica negli Stati Uniti prima della Seconda Guerra Mondiale. Sia gli Stati Uniti che il Canada beneficiarono dell’ influsso di tanto talento e abilitá dalla travagliata Europa. Con uomini come Cahén, il Canada si spinge verso un alto livello di sofisticazione e diventa partecipe di una grande rinascenza culturale in Nord America.

Karl Nickel

Museo d’ Arte di Ringling, 1968

 

 

… “mi lanciai e decisi di pubblicare tutto il romanzo in una singola edizione, completa di copertina speciale e nove pagine di illustrazioni a quattro colori.

 

L’ unico artista sufficientemente veloce e capace di compiere tutto il lavoro in una settimana era Oscar Cahén, le cui vivide copertine in Maclean’s erano tanto note come i suoi quadri esposti nelle gallerie. Lo rinchiudemmo in un albergo, ed in un’ incredibile frenesia pittorica, produsse una serie di illustrazioni geniali”.

Pierre Berton

My Times: Living with History 1947-1995, Toronto

 

 

“Cahén era un artista consumato quando arrivó a Montreal dopo la Seconda Guerra Mondiale. Era capace, dedicato e originale, con un’ esperienza e una formazione che pochi artisti canadesi poteveno uguagliare.

 

Durante quasi tutto il periodo dell’ esistenza del Gruppo, dal 1953 al 1959, i suoi personaggi dominanti, come artisti ed influenza, furono Oscar Cahén e Jock Macdonald. L’ arrivo di Oscar Cahén a Toronto nel 1952 fú un evento cruciale nella storia dell’arte della cittá. Il suo formidabile talento sconcertó gli artisti di Toronto, spingendoli ad osservare i propri quadri da un punto di vista diverso. Il suo impatto sui suoi piu giovani colleghi del Painters Eleven é difficile da esagerare e sinceramente quasi tutti lo confessano”.

Paul Duval

Four Decades: The Canadian Group of Painters and Their Contemporaries 1930-1970

Toronto/Vancouver:Clarke, Irwin & Company Ltd. 1972

 

 

…”l’ illustratore di riviste piú importante in Canada, aiutó a cambiare

l’ atteggiamento delle arti in Canada, da un formalismo che studia il passato a uno sperimentalismo che guarda verso il futuro”.

Elizabeth Kilbourn

Great Canadian Painting: A Century of Art. The Canadian Centennial Library.

Weekend Magazine, 1966

 

 

Solo possiamo lamentare l’ incalcolabile perdita di questo splendido talento all’ apice della sua intensitá, e renderci conto che ció che ci ha lasciato sarebbe sufficiente per chiunque.

Harold Town

Oscar Cahén: Memorial Exhibition and 87th Annual Spring Exhibition

Ontario Society of Artists; Galleria d’ Arte di Toronto

 

© 2004-2019 The Cahén Archives